Friday, October 06, 2006

Toulouse, 5 ottobre 2006
Mi ero preso l’impegno di farmi vivo prima che passasse un’altra settimana ed eccomi qua, sono riuscito a rispettarlo, anche se questi cinque giorni sono stati densi di impegni ed avvenimenti.
Anzitutto lunedì sono cominciati i corsi, che non si tengono nella sede dell’Università, ma in un polo distaccato che si chiama “Manufacture de Tabacs” dal cui nome si può evincere l’attività che si svolgeva in quel posto prima della riconversione a Polo Universitario. D’altra parte, visto il livello della ricerca di questa Università e il casino che c’è nella sede, dedicare un posto solo a questa attività mi pare un’ottima scelta.
C’è stata subito un’introduzione generale del programma MPSE in cui alcuni docenti ci hanno spiegato come è strutturato il dottorato; da questa presentazione ho avuto due conferme:
- il programma dei Master si svolge tutto in lingua inglese (scusate ma fintantoché non ho sentito un francese parlare inglese ero scettico!);
- c’è gente che viene da ogni angolo della Terra.
Successivamente siamo stati divisi in quattro classi, per un’ulteriore approfondimento, questa volta specifico, di ogni Master (oltre a quello che seguo io in Economia dei Trasporti e dei Servizi di rete, ci sono quelli di Economia Generale, Eco-Math e Finanza).
A fare il Master di Trasporti siamo in diciotto, una incredibile Babele di lingue (da fare invidia persino all’Inter!): cinque francesi, tre italiani (oltre a me una ragazza di Brescia ed un ragazzo di Roma), una ucraina (che poi sarebbe Liliya!), una cinese, un kazako, una svedese, una romena, un peruviano, un cileno, un brasiliano, una tunisina, ed una ragazza del Burkina Faso che è un po’ la Vany della situazione, visto che è arrivata tre volte su tre in ritardo, distraendo così con le sue abbondanti curve il resto della platea.
Finora non posso dire molto di più sui miei compagni perché siamo stati da soli soltanto ad Economia dei Trasporti (l’unica materia che non è comune agli altri Master in questo primo trimestre). Sarò più preciso nelle prossime puntate!
Le altre materie che abbiamo seguito sono Ottimizzazione e Microeconomia, avremmo avuto anche Econometria ma pare che il docente si sia fatto male: fra l’altro ci hanno ufficialmente avvertito dell’assenza soltanto al momento dell’inizio della lezione (allora non siamo solo noi disorganizzati!), anche se il giorno prima alcuni colleghi ben informati (a posteriori posso dirlo con sicurezza!) avevano fatto circolare questa voce: in ogni caso, un po’ perché in facoltà ci dovevo andare, un po’ perché, data la mia proverbiale diffidenza, avevo paura che fosse una di quelle voci tipo gol di testa di Zoff da calcio d’angolo, ci sono andato.
Per chi non lo sapesse e fosse interessato (anche se ho il sospetto che l’intersezione tra questi due insiemi sia un insieme vuoto!), Ottimizzazione consiste nell’applicazione di modelli matematici all’economia al fine di trovare massimi e minimi di date funzioni; Ottimizzazione si candida ad essere la materia più complicata di questo primo trimestre e pare che di questo molti ne fossero a conoscenza (io purtroppo no, se no avrei ripassato un po’ meglio analisi!).
A questo proposito, dato che sto ripassando concetti appena intravisti nella mia lunga carriera di studi, come gradiente e polinomi di Taylor, metto in allerta gli ingegneri, nel caso in cui dovessi avere bisogno di una mano!
Cambiando discorso, visto che ho già scritto troppo per quelle che sono le mie abitudini, finalmente ho trovato casa! Me la danno lunedì (ragione per cui questo week-end me lo farò ancora in Côte d’Azur!). Poi per un po’ non mi muoverò!
A presto!

6 comments:

Giova said...

grande!!
mi raccomando, fatti distrarre da Liliya e dalle atre topoline e non ti intrippare di equazioni!!
Giova

arean said...

grande andre trovato casa?
bene purtroppo ti devo dare una pessima notizia: sono diventato un fortissimo giocatore di biliardo se non ti alleni un po' mi sa che finisce male.....cerca una sala così quando ti vengo a trovare andiamo un po' a giocare e magari do qualche lezione anche a qualche tua compagnetta di corso.....
sono in super down per il lavoro e quindi non scriverò troppo....sto aspettando una risposta da accenture entro 15 giorni, ma boh.....
mi fa piacere tu abbia trovato casa ci sentiamo presto
saluti

andre

vanis said...

ciao moise!!! che bello sentirti, (anzi leggerti..)! sono contenta per la casa ma dicci di più su come è/sarà.. da solo o con altri, zona, arredo, tutto!!!

ho subito notato che sono sempre nei tuoi pensieri, fantoccino, visto che sono l'unica nominata per nome nei tuoi post! me la immagino sta qui..e anche io mi ci sono sentita affine..è solo che meglio che non ci siano solo tipi barbosi lì. ma so che le tue preferenze andranno alle varie est europee..

per il resto come ti trovi? come passi le tue giornate?? questo amico dell'amico dell'amico che tipo è?

io tutto ok, non molte news. da lun cambio società cliente, non più quella petrolifera a bolzaneto, nella quale sono uscite magagne su magagne.. ma che per segreto professionale nn dirò e iniziamo il lavoro c/o la costa che unfortunately per me è nello stesso palazzo del mio ufficio.. quindi addio rimborsi spese, che sono poi quelli su cui campo..cmp stando in centro ho molto più tempo per fare i miei giri e commissioni varie, nella pausa o alle 18, mentre a bolzaneto nn c'era una emerita minchia..

per andre arecco: che lavoro fai adesso?
il colloquio per l'accenture era per ge o mi? come è andata??

bacioni cari, e quando passo da multedo in macchina vi penso sempre.. chissa perchè!

Lisa Simpson said...

Ciao Moise! Sono contenta di leggerti e di sapere che hai trovato la Vany della situazione con cui sono sicura socializzerai. Noto invece che nonostante le varie nazionalità da te citate continuo ad essere l'unica sicula ecuadoriana che tu conosca ;) Qui tutto bene con il nuovo lavoro anche se sono ancora in "trasferta" ad Arenzano.
A presto

j.d.quimby said...

Grazie a tutti per i commenti, mi fanno sentire più vicino! Della casa non ho scritto molto perché l'ho vista solo una volta senza i mobili, vi farò sapere nei prossimi giorni! Comunque sì, ci vivrò da solo, quindi potrò invitare chi voglio!

gabriv said...

ciao andre!!
Che sollievo sapere che hai trovato un tetto sotto cui dormire..con panno abbiamo temuto il peggio per te..tipo che dovessi dormire in una topaia con una decina di ometti o addirittura che qualche maghrebino usasse il tuo trolley come dispensa dopo averti lasciato sgozzato in qualche vicolo..

Beh l'idea del blog è una gran cosa, così ci dai notizia della tua vita..

ho letto il commento dell'arecco...è vero diventato "bravino".. per riuscire a stargli dietro mi passo la dentro tutto il week end con grande gioia di gulia..

beh ci si sente..

saluti